La-grande-scommessa_oriz

Nel 2007 è iniziata negli USA la “crisi dei subprime”, causata da un’incosciente speculazione finanziaria che ha colpito duramente l’intera economia mondiale, con conseguenze e danni che i paesi occidentali stanno pagando ancora oggi. Tutto è partito dal mercato immobiliare, solidissimo in borsa, punto fermo dell’economia americana, che si è rivelato essere una montagna lucente di fumo, un mercato fittizio basato sulla frode e sull’avarizia delle banche. Nel 2005, due anni prima, soltanto un folle avrebbe potuto scommettere contro il mercato immobiliare. E, in effetti, Michael Burry, con la faccia di uno dei migliori Christian Bale visti sullo schermo, sembra un pazzo, con i suoi problemi nel relazionarsi, compensati dalla sua incredibile capacità di “leggere” i numeri, di analizzare ed andare oltre le semplici cifre. Burry è stato il primo, ma non l’unico, a puntare tutto sul crollo dell’economia americana e mondiale. Infatti, La grande scommessa (5 candidature agli Oscar, tra cui miglior film), diretto da Adam McKay, racconta in contemporanea la storia di Michael e di altri investitori ispirati dalla sua idea, tutti desiderosi di affrontare il sistema, di sfidare i “pesci grossi” dell’economia mondiale, sicuri di vincere la loro scommessa nonostante non ci sia nessuno dalla loro parte. Jared Vennett (Ryan Gosling) scopre la folle idea di Burry e coinvolge lo spietato e depresso trader Mark Baum (Steve Carell), con la sua banda, scavando ancora più a fondo nella melma densa e torbida del mercato immobiliare. Seguono a ruota due giovani imprenditori, Charlie Geller (John Magaro) e Jamie Shipley (Finn Wittrock), entusiasti di fronte ai possibili guadagni dell’operazione, costretti a farsi aiutare dal disilluso banchiere in pensione, Ben Rickert (Brad Pitt) per entrare anche loro nella grande scommessa. Realizzare un film del genere non è semplice, si rischia di annoiare nel tentativo di impartire complesse lezioni di economia in pillole, ma allo stesso tempo la trama del film è composta esclusivamente dai trucchi utilizzati dagli investitori e dai banchieri, in un logorante ed infinito braccio di ferro. Il regista non poteva neanche provare a seguire le orme di Martin Scorsese e del suo The Wolf of Wall Street, apparentemente simile, ma lontanissimo da La grande scommessa. McKay, allora, ha deciso di entrare nei dettagli tecnici dell’operazione di Burry e compagnia sfruttando ogni mezzo a sua disposizione per spiegare tutti i termini specifici, a partire dalla voce fuori campo dei protagonisti e continuando con immagini prese da clip musicali e attori che sfondano la quarta parete, interagendo con il pubblico e aiutandolo a comprendere la situazione nel modo più completo possibile. Ci sono numerose idee originali, dei piccoli colpi di genio che non fanno mai calare il ritmo della narrazione e che chiariscono numerosi punti. La componente comica è tenuta in grandissima considerazione e la coralità del film, costruito con un montaggio dinamico di livello magistrale, crea una sorta di caos controllato che, in qualche modo, permette a chi guarda di ricomporre il puzzle e di non tralasciare alcun dettaglio importante. Un altro fattore che innalza la qualità del film è il cast, praticamente perfetto, che vede in Steve Carell e Christian Bale i due cavalli di razza, duro nei modi e irrispettoso nei confronti delle istituzioni il primo, sopra le righe, lunatico e maledettamente intelligente il secondo. Adam McKay, famoso soprattutto per i suoi film comici e, in certi casi, demenziali (Anchorman, ad esempio), regista del famosissimo programma TV Saturday Night Live, dal 1995 al 2001, scatena la sua indole creativa portando nelle sale La grande scommessa, una pellicola difficile da collocare in un genere specifico, innovativa, divertente, ma che non perde di vista la realtà e i temi sociali che si celano dietro la grande crisi dell’economia mondiale, la disperazione di milioni di persone, cittadini, sfrattati o licenziati, l’avarizia delle banche e di un sistema economico corrotto, che alla fine colpisce esclusivamente i più deboli. Questo film racconta la storia di uomini che hanno sconfitto il sistema, hanno guadagnato milioni di dollari da una falla, un errore di calcolo causato dalla noncuranza e dal menefreghismo. Ma sono gli stessi uomini che, di fatto, hanno tratto profitto da una delle crisi più profonde e marcate del mondo occidentale. Questo film sarà uno dei protagonisti alla prossima edizione della Notte degli Oscar ed è impossibile prevedere il responso dell’Academy, vista anche la concorrenza. Ma se esistesse il premio Oscar all’originalità e all’innovazione, La grande scommessa, quest’anno, non avrebbe alcun rivale.

Pubblicato su PugliaPress

Annunci